The Good Life Project

In Search of The Bona Vita


Leave a comment

Corsi e ricorsi storici

“Il capo del Governo si  macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che,  al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la  condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo.  Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini?  Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una  parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si  rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma  preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto.  Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e  il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Così un uomo mediocre,  grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un  perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo  onesto, sarebbe stato tutt’al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po’ ridicolo per le sue maniere, i  suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il  buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e  impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è  difficile trovare un più completo esempio italiano. Ammiratore  della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza  credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre  di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che  disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di  profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico  volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si  immagina sempre di essere il personaggio che vuole  rappresentare.”

Elsa Morante

*Qualunque cosa abbiate pensato, il testo, del 1945, si riferisce a Benito Mussolini…*

Advertisements


Leave a comment

Sfoggiare un linguaggio forbito…

Rubata dal gruppo “Sfoggiare un linguaggio forbito in risposta a miserabile insulti”.  Bella citazione.  Me la sono “rubata” per condividerla qui:

La mia nobiltà? Il mio stemma araldico sono le mie mani provate, il mio odore acre la sera, le trombe del dolor di reni. La mia donna. Voi avete visitato molti ventri di dama. Io ho preso dimora in uno ed adoro la musica della sua anima. Dite ora chi è ricco e chi no? Io vivo per chi amo. Voi per chi a voi si prostri. Siete solo.[Luca del Viscovo]


Leave a comment

La Morte

Ci sono persone che hanno vissuto con ritmo, che hanno completato il ciclo dell’esistenza passando dall’infuriare della giovinezza alle solide conquiste della maturità e al quieto e pacifico declino verso la morte. La gente di questo genere non teme la morte né lotta per sfuggirla giacché la vita è sempre stata completa, realizzata come un’opera d’arte. Non hanno mai temuto né negato la vita. Non accettano la morte per stanchezza o disperazione ma l’accettano perché hanno compiuto il ciclo con compiuta soddisfazione. Quanti ne sono rimasti al giorno d’oggi? (Louis Bromfield)